1. L’adiposità localizzata
  2. L’omotossicologia nell’adiposità
  3. Trattamento biomesoterapico nell’adiposità
  4. La terapia orale nell’adiposità
  5. Link utili

L’adiposità localizzata

Per sapere quali sono i rimedi per l’adiposità localizzata bisogna sapere prima cosa si intende per adiposità.

L’adiposità è la conseguenza di uno stato di iperplasia e/o ipertrofia dell’adipocita e può essere diffusa o localizzata in particolari distretti. Nel morfotipo ginoide l’adiposità localizzata riguarda prevalentemente i distretti dei fianchi, delle cosce, dei glutei e delle ginocchia e rappresentano gli aspetti inestetici più comuni.

Nel morfotipo androide, invece, l’adiposità localizzata si presenta soprattutto nella parte superiore del corpo: nel distretto del torace, della regione tricipitale e della regione cervicale inferiore (gobba di bisonte). Questa distribuzione del tessuto adiposo si riscontra abbastanza frequentemente anche in donne in post-menopausa.

 

L’omotossicologia nell’adiposità

Secondo l’omotossicologia, l’adiposità è inquadrabile come fase di deposito o di impregnazione del metabolismo. Senza l’intervento terapeutico, la fase di deposito in fase di impregnazione, passa dall’adiposità localizzata all’obesità e alla sindrome metabolica.

Il primo passo del paziente con adiposità è quello della disintossicazione dell’organismo attraverso un corretto regime alimentare che, inizialmente, può essere rappresentata da una dieta ipocalorica che rispetti la biochimica della nutrizione per evitare un insufficiente apporto proteico. Insieme alla dieta è importante anche lo svolgimento di un’appropriata attività fisica per elevare il livello del metabolismo basale e favorire la combustione dei grassi.

Contemporaneamente alla dieta e all’attività fisica si imposta una terapia orale per mezzo di appropriati farmaci omotossicologici per attivare i meccanismi disintossicanti. Dopodiché un trattamento biomesoterapico, fulcro della terapia, avrà maggiore successo soprattutto nell’adiposità localizzata.

 

Trattamento biomesoterapico nell’adiposità

Il trattamento biomesoterapico nell’adiposità localizzata prevede l’utilizzo di un cocktail di farmaci rappresentato da alcuni medicinali omotossicologici che vengono miscelati tra loro in un’unica siringa e che vanno iniettati nella parte da trattare secondo le tecniche della mesoterapia.

Nel protocollo ci devono essere presenti medicinali per l’apparato circolatorio, il drenaggio del connettivo, il sistema endocrino, la lipolisi e il rassodamento dei tessuti.

 

La terapia orale nell’adiposità

In base alle condizioni del paziente bisogna predisporre una buona terapia orale per mobilizzare e favorire l’escrezione delle tossine accumulate e per modulare l’attività dell’apparato endocrino, si procede quindi con un protocollo di drenaggio connettivale e emuntoriale e di riequilibrio endocrino associata alla terapia Anti Age rappresentata da due prodotti che regolano l’appetito e stimolano la lipolisi e la lipocinesi.

Drenaggio: detossificare e attivare il ricambio connettivale, stimolare la funzionalità epatica;

Anti age: la regolazione dello stimolo dell’appetito e dello stress tramite la stabilizzazione di SNC e SNV, stimolare la lipolisi e la ipocinesi e mantenere il turgore della cute;

Riequilibrio endocrino: riequilibrare l’asse endocrino, stimolare il metabolismo basale.

Ti può interessare anche:
Adiposità localizzata
L’alimentazione corretta nella Medicina Estetica
Wellness & antiaging
La Medicina Antiaging
Fitoterapia
Omotossicologia


 

Dott.ssa Roberta Antonutti - Medico Chirurgo

Dott.ssa Roberta Antonutti – Ghirurgia Generale – Ronchi dei Legionari (GO)

 

 

Tutte le informazioni e/o contenuti pubblicati nel sito della Dott.ssa Roberta Antonutti hanno puro scopo informativo e/o divulgativo. Le informazioni diffuse dal sito sono destinate ad incoraggiare, e non a sostituire, le relazioni esistenti tra paziente e medico e tra medico specialista e medico di medicina generale.