Come ottenere mediante impianto di filler sia un riempimento delle rughe che un’azione di ringiovanimento della pelle? Filler in Medicina Estetica, un argomento in costante evoluzione, specialmente nell’intento di sperimentare nuove soluzioni, come quella di impiantare, per rughe moderate e profonde, un prodotto a base di microsfere di idrossiapatite calcica in matrice di gel.

E’ stato scientificamente provato che l’idrossiapatite di calcio è in grado di stimolare in modo significativo la neogenesi del collagene.

Cosa succede dopo aver infiltrato una ruga con idrossiapatite calcica in microsfere immersa in gel acquoso? La ruga si riempie e si appiana nell’immediato. Dopo alcuni mesi il gel viene degradato dai macrofagi, mentre le microsfere rimangono e stimolano nel corso del tempo i fibroblasti a produrre il collagene.

Poi anche le particelle di idrossiapatite di calcio vengono degradate, sempre ad opera dei macrofagi.

Riempimento rughe

Si tratta di un filler biocompatibile al 100%, le microsfere di idrossiapatite di calcio sono composte da ioni calcio e fosfato, che si trovano anche in ossa e denti.

La durata stimata di tale filler è superiore a quella degli altri filler riassorbibili a base di acido ialuronico. Se ne consiglia l’uso in particolare per le rughe dei solchi naso-genieni, per la correzione delle marionette lines, delle zone periorbitarie e temporali e dell’area zigomatica, mentre è sconsigliato per l’aumento del volume delle labbra, nelle linee glabellari, nei solchi naso-giugali e laddove vi sia presenza di precedenti filler permanenti.

Le fibre di neocollagene formatesi nel derma danno un effetto lifting e sostegno a lungo termine.

Se vuoi sapere di più sulla Medicina Estetica vedi anche:


 

Dott.ssa Roberta Antonutti - Medico Chirurgo

Dott.ssa Roberta Antonutti – Ghirurgia Generale – Ronchi dei Legionari (GO)

 

 

Tutte le informazioni e/o contenuti pubblicati nel sito della Dott.ssa Roberta Antonutti hanno puro scopo informativo e/o divulgativo. Le informazioni diffuse dal sito sono destinate ad incoraggiare, e non a sostituire, le relazioni esistenti tra paziente e medico e tra medico specialista e medico di medicina generale.